Fissare una quota massima di operazioni durante una legislatura

25.01.2019

Come è stato dimostrato più volte negli ultimi anni, i parlamenti a tutti i livelli si stanno indirizzando sempre più verso una politica professionale. Secondo la NZZ, il numero di operazioni trattate nei parlamenti è mediamente triplicato. Fissando un numero massimo di operazioni in un periodo legislativo, è necessario stabilire un ordine di priorità. Le interpellanze che non perseguono uno scopo ma che servono piuttosto per profilarsi a livello politico non hanno quindi più un posto nell'ordine del giorno. Il numero massimo potrebbe anche essere definito nell’arco di periodi più brevi o in considerazione delle operazioni presentate e non trattate. Ogni parlamento può decidere autonomamente in merito. Il federalismo non ne risente, poiché non si possono stabilire regole fisse per tutti i comuni, i cantoni e la Confederazione.
Oltre alla presenza fisica, il tempo investito in una carica di milizia prevede una fase di preparazione e una successiva rifinitura. Quante più sono le operazioni da sbrigare, tanto maggiori sono gli sforzi richiesti. Quando c’è la necessità di concentrarsi sulle operazioni fondamentali, si dà la preferenza a quelle che vanno effettivamente a beneficio della popolazione e non della distinzione personale. Il dispendio di tempo da parte dei parlamentari sarà così notevolmente ridotto e la conciliabilità dell'attività professionale e dell’incarico di milizia potrebbe essere rafforzata.

0Noch keine Kommentare

Il vostro commento
Antwort auf:  Direkt auf das Thema antworten
Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen
 
 

Associazione dei Comuni Svizzeri
Casella postale, Laupenstrasse 35, CH-3001 Berna
031 380 70 00, verband(at)chgemeinden.ch

 
 
 

2016. Tutti i diritti riservati. Vi invitiamo a leggere le «Condizioni generali, Protezione dei dati» prima di continuare con questo sito web.