Schweizerischer Gemeindeverband
Association des Communes Suisses
Associazione dei Comuni Svizzeri
Associaziun da las Vischnancas Svizras
Insieme per comuni forti
 
 
1
2
3

Attuale

 
  • Un’Assemblea generale particolare: silenziosa, ma con una partecipazione record

    A causa della pandemia, la 67a Assemblea generale dell’Associazione dei Comuni Svizzeri (ACS) è avvenuta in forma scritta. L’affluenza è stata del 23 per cento. I delegati hanno eletto sei nuovi membri di Comitato, in carica dall’11 giugno 2020, e hanno approvato tutti gli altri affari in aggiunta alle modifiche statutarie.

  • Inoltrata un'interpellanza: le usanze commerciali di Serafe richiedono chiarimenti

    Dall'inizio del 2019 la Confederazione ha affidato la riscossione del canone radiotelevisivo alla Serafe AG. Dal primo invio delle fatture la ditta ha ripetutamente suscitato aspre critiche. E la Serafe addossa sempre la colpa ad altri, in particolare ai comuni che insieme ai cantoni, a norma del diritto vigente, sono responsabili della trasmissione dei dati all'organo di riscossione. L'ACS ha ora deciso di intervenire.

  • Anche la Confederazione deve fare la sua parte

    La crisi da coronavirus comporterà una forte crescita dei costi dell’aiuto sociale. È una sfida ingente per i comuni. L’ACS chiede una sostanziale partecipazione della Confederazione.

  • Progetto di prevenzione «Covid-Estate 2020» della Società Svizzera di Salvataggio

    Nel 2019, la Società Svizzera di Salvataggio (SSS) e l’Ufficio prevenzione infortuni hanno recensito 49 vittime di annegamento in Svizzera, un numero superiore alla media a lungo termine. La SSS è in massima allerta visto che quest’estate, a causa del coronavirus, i laghi e i corsi d’acqua saranno più frequentati del solito. Per questo ha adottato, in collaborazione con i suoi partner, una serie di misure speciali soprattutto nell’ambito della prevenzione.

  • Un fiume si trasforma in un progetto sociale

    L’esondazione della Sorne del 2007 ha causato a Delémont (JU) danni dell’ordine di milioni. Da allora, la città ha adottato numerose misure preventive. «Delémont Marée Basse» è stato anche un progetto sociale.

  • Presentato un postulato: una carica di milizia deve essere accreditato a titolo di formazione/formazione continua

    La Consigliera nazionale Priska Seiler Graf (PS/ZH), membro del Comitato dell’Associazione dei Comuni Svizzeri (ACS), ha presentato nell’attuale sessione estiva un postulato volto a potenziare il sistema di milizia. Di conseguenza, il Consiglio federale è incaricato di esaminare, assieme alla Conferenza universitaria svizzera, alle università e all’ACS, in che modo i membri dell’esecutivo comunale possano farsi accreditare le competenze acquisite durante la loro carica a titolo di formazione/formazione continua in campo universitario (CAS, DAS, MAS, p. es. nel campo della pubblica amministrazione; MBA, EMBA).

  • Indennità per lavoro ridotto: una mozione chiede l’applicazione unitaria per comuni e imprese a partecipazione comunale

    Nel corso della crisi dovuta al coronavirus, il numero di domande di lavoro ridotto è aumentato moltissimo in marzo e aprile. La Confederazione ha ricevuto richieste per 1,9 milioni di dipendenti. È sorta confusione circa il fatto se anche le aziende comunali abbiano diritto al lavoro ridotto.

  • COVID-19: piano di protezione quadro per le manifestazioni pubbliche

    Il 6 giugno 2020 si è svolta la terza tappa di allentamento dei provvedimenti durante l’epidemia di COVID-19. L’allentamento del divieto di assembramento nello spazio pubblico è accompagnato dall’attuazione delle regole di igiene e di comportamento e dalla ricostruzione dei contatti stretti (tracciamento dei contatti). È consentito lo svolgimento di manifestazioni pubbliche fino a un numero massimo di 300 persone contemporaneamente. L’Ufficio federale della sanità pubblica ha elaborato un piano di protezione quadro.

  • Piano di protezione standard: raccolta delle firme su suolo pubblico

    La raccolta delle firme sul suolo pubblico è autorizzata dal 1° giugno 2020 a condizione che si disponga di un piano di protezione. I comitati o gli organizzatori di una raccolta di firme sono tenuti a elaborare il piano e a garantirne l’osservanza. La Cancelleria federale ha elaborato un piano di protezione standard di cui i comitati possono avvalersi quale base.

  • Programma di incentivazione 2020-2021: Stili di vita sostenibili – un vantaggio per il clima e la biodiversità

    «Stili di vita sostenibili – un vantaggio per il clima e la biodiversità» è il tema prioritario scelto per il bando di concorso 2020. Tramite il Programma d’incentivazione, l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale mira a rafforzare il ruolo delle singole persone o delle collettività nella realizzazione degli obiettivi climatici e nella lotta contro la perdita di biodiversità. Le richieste dovranno essere inoltrate entro il 30 settembre 2020.

Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen