Schweizerischer Gemeindeverband
Association des Communes Suisses
Associazione dei Comuni Svizzeri
Associaziun da las Vischnancas Svizras
Insieme per comuni forti
 
 
1
2
3

Archivio news

  • Avvio del Dialogo CTA sull’integrazione «Convivenza»

    Non c’è integrazione senza persone che, sul lavoro e nella vita di ogni giorno, offrano aiuto e sostegno. Integrarsi presuppone pertanto contatti con persone ben radicate nella realtà locale. Tuttavia, simili incontri non sempre nascono spontaneamente.

  • Promuovere la partecipazione: Cercasi comuni pilota

    Un crescente numero di comuni fa sempre più fatica a risvegliare nei cittadini l’interesse per la cosa pubblica, e a convincerli ad assumere cariche pubbliche. Col neonato progetto «in comune», l’ACS – in collaborazione con la Commissione federale della migrazione – vuole incrementare il grado di coinvolgimento nella vita dei comuni, e al contempo rafforzare il sistema di milizia.

  • «Comune Svizzero» di Settembre

    Il nuovo numero di «Comune Svizzero» è online.

  • Conferenza nazionale contro la povertà

    Il programma nazionale contro la povertà è giunto a metà del suo percorso ed è quindi tempo di tracciare un bilancio intermedio nonché di discutere delle conoscenze acquisite e delle priorità da fissare per il suo seguito. A tal fine, il 22 novembre 2016 si terrà a Bienne la Conferenza nazionale contro la povertà.

  • Collaborazione con Federas

    L’ACS vuole offrire sempre più servizi ai suoi membri. A tal fine ha siglato un accordo di collaborazione con la società di consulenze Federas Beratung SA. Federas è stata fondata nel 1994 dall’Associazione dei segretari e amministratori comunali zurighesi, e offre servizi e consulenze a comuni, istituzioni pubbliche e organizzazioni senza scopo di lucro.

  • Nuove prese di posizione

    L’ACS ha espresso le sue posizioni sulla Predisposizione di un credito d’impegno destinato a indennizzare l’offerta di trasporto del traffico regionale viaggiatori (TRV) negli anni 2018–2021, sulla Strategia nazionale di vaccinazione (SNV) e sull’Ordinanza del DFI che stabilisce il contributo per la prevenzione generale delle malattie.

  • Chiusa la sede operativa dell'ACS nell'ultima settimana di luglio

    La sede operativa dell'ACS è chiusa dal 25 luglio al primo di agosto 2016.

  • Riforma fiscale III delle imprese: soddisfatta una delle richieste principali dell’ACS

    Dopo una dura lotta tra il Consiglio nazionale e quello degli Stati, lo scorso martedí sono state appianate le ultime divergenze sulla Riforma fiscale III delle imprese. La quota cantonale dell’imposta federale diretta ammonta ora al 21.2 percento. Il Consiglio nazionale si era in precedenza attenuto alla proposta del Consiglio federale di attribuire ai cantoni il 20.5 percento dell’imposta federale diretta. Con l’aumento della quota cantonale, il Parlamento ha accolto una delle richieste principali dell’ACS.

  • Amicus – migliorare una situazione insoddisfacente

    L’ACS continua a profondere il proprio impegno affinché in relazione all’implementazione della nuova banca dati canina Amicus si tenga conto anche delle esigenze di città e comuni. Per l’ACS e l’Associazione svizzera dei servizi agli abitanti (ASSA) è essenziale che l’attuale, insoddisfacente situazione venga migliorata.

  • Save the date: 7 dicembre 2016, giornata ACS «L’ambiente lavorativo tra continuità e innovazione»

    Organizzando per la prima volta una giornata speciale per il personale di città e comuni, l’ACS intende ringraziare i collaboratori del livello comunale per il loro prezioso lavoro e il grande impegno. La giornata, intitolata «L’ambiente lavorativo tra continuità e innovazione», si terrà mercoledí 7 dicembre 2016 alla Kongresshaus di Bienne.

  • Riforma III dell'imposizione delle imprese: imprescindibile il coinvolgimento di città e comuni

    Nessun sostegno alla Riforma III dell'imposizione delle imprese (RI imprese III) senza il vincolo giuridico del coinvolgimento di città e comuni: è quanto affermano le associazioni mantello delle città e dei comuni.

  • «Comune Svizzero» di giugno

    Il nuovo numero di «Comune Svizzero» è online.

  • Assemblea generale dell’ACS, eletti sei nuovi membri del comitato

    L’odierna Assemblea generale dell’Associazione dei Comuni Svizzeri (ACS), tenutasi a Losanna si è vista interamente all’insegna delle elezioni di rinnovamento. Con la fine del mandato 2012-2016, sei membri del comitato hanno deciso di ritirarsi.

  • Finanziamento delle cure: adeguare la ripartizione dei costi e tenere finalmente conto degli interessi comunali

    Il nuovo regime di finanziamento delle cure ha comportato un forte aumento del carico per l’ente pubblico. Il cosiddetto finanziatore del costo residuo è diventato il finanziatore principale. In seguito a questo carico finanziario, città e comuni si vedono sempre piú assillati – e questo senza avere alcuna voce in capitolo.

  • «Gli argomenti dei promotori si discostano dalla realtà»

    Per la consigliera federale Doris Leuthard, i servizi di base nei settori dei trasporti pubblici, della Posta e delle telecomunicazioni sono eccellenti. L’iniziativa «Servizio pubblico» sarebbe perciò inutile e controproducente.

  • Niente più oneri per le biblioteche

    L’ACS ha preso posizione in merito alla modifica della Legge sul diritto d’autore e si oppone nettamente all’ulteriore onere per le biblioteche rappresentato dall’introduzione di un diritto supplementare sul prestito.

  • Incontro con le «cantonali»

    A metà aprile si è tenuto a Berna l’incontro dell’ACS con le organizzazioni comunali dei Cantoni.

  • Nuova busta certificata di andata e ritorno per la documentazione di elezioni e votazioni

    Con il 1° aprile 2016, la Posta ha introdotto una busta certificata di andata e ritorno per tutti i documenti inerenti a elezioni e votazioni. Questo perché, in passato, i diversi plichi erano stati all’origine di danneggiamenti degli invii per elezioni e votazioni e di lavoro supplementare nell’ambito dell’elaborazione postale.

  • In memoria del presidente onorario Toni Cantieni

    Lo scorso 23 aprile 2016 si è spento all’età di 88 anni il presidente onorario dell’ACS. Toni Cantieni fu eletto presidente dell’ACS dall’assemblea generale del 1987 a Berna. Era membro del comitato dal 1965 e vice presidente dell’associazione dal 1980. In occasione della sua ultima assemblea generale, Cantieni fu nominato presidente onorario. Toni Cantieni ha contribuito in maniera decisiva a far sí che l’ACS diventasse un’importante forza politica, intensificando sotto la sua guida l’attività politica sino dall’inizio degli anni Novanta. Durante la sua carica si ebbero la fondazione del gruppo parlamentare «Politica comunale» e i lavori di aggiornamento della Costituzione federale. Assieme all’Unione delle città svizzere fu artefice dell’inclusione dell’«articolo comunale» (art. 50) nella riveduta carta costituzionale e della conseguente valorizzazione della posizione dei comuni nello stato federale.

  • Solida alleanza contro la fuorviante e dannosa iniziativa popolare «A favore del servizio pubblico»

    Il Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB) e l’Associazione dei Comuni Svizzeri (ACS) hanno presentato oggi a Berna, assieme a rappresentanti dell’Unione delle città svizzere, dell’associazione del personale transfair, del Forum svizzero dei consumatori e di economiesuisse, la campagna contro l’iniziativa popolare «A favore del servizio pubblico».

Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen