Schweizerischer Gemeindeverband
Association des Communes Suisses
Associazione dei Comuni Svizzeri
Associaziun da las Vischnancas Svizras
Insieme per comuni forti
 
 
1
2
3

Archivio news

  • Progetto di prevenzione «Covid-Estate 2020» della Società Svizzera di Salvataggio

    Nel 2019, la Società Svizzera di Salvataggio (SSS) e l’Ufficio prevenzione infortuni hanno recensito 49 vittime di annegamento in Svizzera, un numero superiore alla media a lungo termine. La SSS è in massima allerta visto che quest’estate, a causa del coronavirus, i laghi e i corsi d’acqua saranno più frequentati del solito. Per questo ha adottato, in collaborazione con i suoi partner, una serie di misure speciali soprattutto nell’ambito della prevenzione.

  • Presentato un postulato: una carica di milizia deve essere accreditato a titolo di formazione/formazione continua

    La Consigliera nazionale Priska Seiler Graf (PS/ZH), membro del Comitato dell’Associazione dei Comuni Svizzeri (ACS), ha presentato nell’attuale sessione estiva un postulato volto a potenziare il sistema di milizia. Di conseguenza, il Consiglio federale è incaricato di esaminare, assieme alla Conferenza universitaria svizzera, alle università e all’ACS, in che modo i membri dell’esecutivo comunale possano farsi accreditare le competenze acquisite durante la loro carica a titolo di formazione/formazione continua in campo universitario (CAS, DAS, MAS, p. es. nel campo della pubblica amministrazione; MBA, EMBA).

  • COVID-19: piano di protezione quadro per le manifestazioni pubbliche

    Il 6 giugno 2020 si è svolta la terza tappa di allentamento dei provvedimenti durante l’epidemia di COVID-19. L’allentamento del divieto di assembramento nello spazio pubblico è accompagnato dall’attuazione delle regole di igiene e di comportamento e dalla ricostruzione dei contatti stretti (tracciamento dei contatti). È consentito lo svolgimento di manifestazioni pubbliche fino a un numero massimo di 300 persone contemporaneamente. L’Ufficio federale della sanità pubblica ha elaborato un piano di protezione quadro.

  • I comuni sono in prima linea e corrono molti rischi

    I comuni sono direttamente interessati dall’attuale «lockdown». «Comune Svizzero» ha chiesto ai membri di Comitato dell’Associazione dei Comuni Svizzeri (ACS) che svolgono una funzione negli esecutivi comunali di valutare le conseguenze economiche della crisi.

  • Nuova rubrica su in-comune.ch: «Partecipazione dei bambini e dei giovani»

    Quali sono le possibilità di partecipazione di bambini e giovani alla politica e alla società? Quale importanza viene data al loro coinvolgimento e quale peso alla loro voce, in generale e negli ambiti che li riguardano direttamente? E quindi, come si può promuovere e migliorare la partecipazione di bambini e giovani?

  • Iniziativa di affissione contro la violenza domestica

    La task force contro la violenza domestica di Confederazione e Cantoni ha lanciato un’iniziativa di affissione nazionale sostenuta da diverse associazioni, come quelle dei farmacisti, dei droghieri, dei panettieri-confettieri o dei negozi di giardinaggio. Attraverso l’affissione di manifesti in negozi frequentati quotidianamente si intende dare alle vittime la possibilità d’informarsi facilmente sulle offerte d’aiuto in caso di violenza domestica. I manifesti sono disponibili in formato PDF e possono essere stampati in formato A4 o A3 da tutti i negozi interessati, indipendentemente dal loro settore d’attività.

  • Energy-Connect: costruire insieme il futuro dell’energia

    La collaborazione tra ricercatori e partner operativi è fondamentale per la riuscita dell’attuazione della strategia energetica 2050. A giugno, l’Ufficio federale dell’energia lancia il suo nuovo programma di finanziamento SWEET. Anche i comuni possono partecipare a progetti di ricerca per sviluppare soluzioni pratiche. Energy-Connect, piattaforma promossa dalla Confederazione e da diverse associazioni, mette in contatto i comuni interessati con le principali scuole universitarie svizzere.

  • Il rapporto annuale 2019 dell’ACS è online

    Il 2019 è stato un anno molto intenso e ricco di eventi per l’ACS. Oltre alla gestione degli «affari correnti» – il lavoro politico a livello federale con oltre 30 prese di posizione e audizioni – con il suo «Anno del lavoro di milizia» l’ACS ha compiuto uno sforzo supplementare, che ha più che ripagato. Per saperne di più sull’attività dell’ACS non esitate a consultare il rapporto annuale 2019, disponibile in formato PDF e e-paper, che ne presenta una panoramica illustrata e compatta.

  • Campagna dell’UFSP Nuovo coronavirus «raccomandazioni ampliate»: nuovo manifesto gratuito per il vostro Comune/la vostra Città

    Dopo sette settimane di chiusura è stata avviata la prima tappa di riapertura e gli allentamenti del Consiglio federale iniziano a dispiegare il loro effetto. A fine aprile il Consiglio federale ha deciso la seconda tappa di uscita dalla chiusura. Da lunedì 11 maggio potranno riaprire negozi, ristoranti, mercati, musei e biblioteche. Ciononostante resta fondamentale che le persone rispettino le regole di igiene e di comportamento, che sono state ampliate con le due nuove raccomandazioni «usare la mascherina se non è possibile tenersi a distanza» e «continuare a lavorare da casa». Di conseguenza, anche il manifesto «Così ci proteggiamo» dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) è stato adeguato.

  • Piano di protezione per i trasporti pubblici

    Nell’attuare le misure di allentamento, il Consiglio federale conta su un sistema di trasporti pubblici funzionante. D’intesa con l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) e l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), FFS e AutoPostale hanno sviluppato un piano di protezione per i trasporti pubblici. Le Città e i Comuni si impegnano a sostenere le imprese di trasporto al meglio delle loro capacità e ad attuare misure per proteggere gli utenti dei trasporti pubblici anche negli spazi pubblici, ove possibile ed opportuno.

  • COVID-19: Informazioni sulle infrastrutture sportive

    L’Associazione svizzera dei servizi dello sport ha creato una sezione sul suo sito web intitolata «COVID-19: FAQ sulle infrastrutture sportive» (in tedesco e francese), destinata alle Città e ai Comuni. Contiene link utili, domande e risposte frequenti ed esempi concreti provenienti da Comuni e Città (lettere informative, concetti di protezione per gli impianti sportivi, ecc.).

  • Piano di protezione per le amministrazioni comunali: modello dell’Organizzazione di Condotta del Canton Zurigo

    La KFO (Organizzazione di Condotta) del Canton Zurigo ha elaborato un modello di «Piano di protezione COVID-19». Il piano di protezione ha lo scopo di garantire l’operatività durante l’attuale situazione pandemica e allo stesso tempo di prevenire il contagio dei collaboratori e di terzi. Il modello può essere utile anche per i Comuni di altri Cantoni. L’ACS ricorda che si tratta di un modello che deve essere adattato in funzione della situazione e dell’utilizzo.

  • L’Assemblea Generale 2020 dell'ACS si terrà in forma scritta

    A causa dell’attuale pandemia di COVID-19, il Comitato dell’Associazione dei Comuni Svizzeri (ACS) ha deciso di tenere l’Assemblea Generale 2020 in forma scritta.

  • Strutture di custodia collettiva diurna: è necessario un aiuto finanziario da parte della Confederazione e dei Cantoni

    A causa della pandemia di COVID-19, in tutta la Svizzera le strutture di custodia collettiva diurna (asili nido) si trovano in una situazione difficile. Diverse Città e Comuni hanno già reagito alla situazione di emergenza e sostengono con contributi finanziari gli asili nido e altri servizi rilevanti per il sistema. Dal punto di vista dell’ACS è necessario che anche la Confederazione e i Cantoni si assumano la loro parte di responsabilità e forniscano il più rapidamente possibile un sostegno finanziario. L’ACS ha chiaramente espresso questa posizione in una lettera alle Commissioni competenti del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati. Le Commissioni economiche delle camere federali hanno reagito alla richiesta di aiuto di Comuni, Città e Cantoni: chiedono che il Consiglio federale includa anche gli asili nido nelle misure per attenuare le conseguenze economiche della crisi del coronavirus. Questo è anche un successo per l’ACS.

  • Garantire l’igiene in impianti di acqua potabile in edifici temporaneamente inutilizzati

    Le misure adottate dal Consiglio federale in relazione al COVID-19 hanno portato in molti casi alla chiusura o comunque a severe restrizioni nell’utilizzo di molte strutture come scuole, asili a tempo pieno, hotel, spogliatoi di società sportive e altri edifici utilizzati per scopi commerciali e pubblici. Se il sistema di acqua potabile non viene mai o solo raramente utilizzato per diverse settimane, aumenta il rischio di moltiplicazione dei microrganismi. La Società svizzera dell’industria del gas e delle acque (SSIGA) ha elaborato informazioni tecniche in cui sono descritte le misure necessarie per garantire una qualità ineccepibile dell’acqua potabile.

  • Piattaforma informativa aggiornata con ulteriori esempi dai Comuni

    La piattaforma informativa dell’Associazione dei Comuni Svizzeri sulle misure adottate dai Comuni per contrastare gli effetti del Coronavirus viene costantemente completata e aggiornata. Tutti i Comuni possono così informarsi sulle misure attuate in altri Cantoni e quindi ricevere anche eventuali input e idee per le proprie attività. Gli ultimi input provengono da Burgdorf (BE), Carouge (GE), Nyon (VD), Yverdon-les-Bains (VD), Friburgo (FR), Grenchen (SO), Oberbalm (BE), St-Martin (VS), dall’Antenne Région Valais romand e da diversi Comuni della Svizzera centrale.

  • I diritti popolari ai tempi del coronavirus

    Gli effetti del coronavirus si fanno sentire anche sulla politica. In Ticino, come in altri cantoni svizzeri, sono state annullate le elezioni comunali. Cosa significa questo per la democrazia, per i comuni e per i candidati? Una panoramica.

  • Comuni ticinesi solidali

    In Ticino sono molte le iniziative intraprese dai comuni per rispondere all’attuale situazione straordinaria e sostenere le persone più vulnerabili – gli anziani e le persone ammalate, sole o impossibilitate a spostarsi. Alcuni esempi.

  • Sostegno al settore della cultura per attenuare l’impatto del coronavirus: è possibile fare richiesta

    Il settore della cultura è fortemente colpito dalla diffusione del COVID-19 e dai provvedimenti statali volti a contenerlo. Per questo motivo il 20 marzo 2020 il Consiglio federale ha deciso un pacchetto di misure a sostegno della cultura per un importo di 280 milioni di franchi. Gli aiuti finanziari sono disponibili e possono essere richiesti presso i Cantoni, l’associazione Suisseculture Sociale e le associazioni mantello nell’ambito della cultura amatoriale.

  • Coronavirus e diritti di visita: raccomandazioni della COPMA

    Molti genitori, autorità e istituzioni si chiedono se e come le norme esistenti sui diritti di visita possano essere attuate durante l’emergenza Coronavirus. Con l’obiettivo di chiarire la situazione, la Conferenza per la protezione dei minori e degli adulti (COPMA) ha emanato delle raccomandazioni.

Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen