Schweizerischer Gemeindeverband
Association des Communes Suisses
Associazione dei Comuni Svizzeri
Associaziun da las Vischnancas Svizras
Insieme per comuni forti
 
 
1
2
3

carvelo2go: partecipazione dei comuni alla rete di condivisione delle bici cargo elettriche

 
 
1
2
3
4

Di che si tratta?

carvelo2go è un progetto di carvelo, ­l’iniziativa svizzera per la bici cargo. Si tratta della prima rete al mondo di condivisione di bici cargo elettriche. Il sito internet carvelo2go.ch permette di prenotare e noleggiare in diverse città svizzere biciclette da trasporto elettriche a una tariffa oraria. Questa offerta è gestita dall’Accademia della mobilità SA del TCS. Le bici cargo elettriche sono biciclette dotate di un piano di carico per il trasporto di merci o di bambini.

Le bici cargo elettriche di carvelo2go sono gestite localmente da cosiddette «stazioni ospitanti». Quest’ultime mettono a disposizione un posto di stazionamento per la bici cargo e consegnano la chiave e la batteria agli utenti che hanno prenotato una bicicletta attraverso il sito internet. In cambio, le stazioni ospitanti possono utilizzare la bici cargo gratuitamente per le loro necessità, per un determinato numero di ore alla settimana.

In collaborazione con l’ACS, l’Accademia della mobilità SA ha promosso l’offerta «carvelo2go per i comuni». Siamo alla ricerca di comuni interessati a cimentarsi con carvelo2go, che desiderano fungere da pioniere. Questo progetto è sostenuto dall’Ufficio di coordinamento per la mobilità sostenibile (COMO) della Confederazione. I comuni partecipanti beneficeranno così di un cofinanziamento dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale.

Il contributo di carvelo2go al vostro comune

carvelo2go è uno strumento ideale per promuovere la bicicletta da trasporto quale mezzo di mobilità sostenibile:

  • le bici cargo contribuiscono alla mobilità fisica e rendono la mobilità quotidiana piacevole
  • grazie all’assistenza elettrica, le bici cargo sono pure utilizzabili in modo polivalente lungo percorsi collinosi e offrono un grande potenziale che risponde alle necessità di trasporti domestici e aziendali
  • «veicoli a propulsione umana», le bici cargo promuovono la salute e l’efficienza energetica
  • la rete di condivisione consente di risparmiare risorse e spazio, dato che si adopera la bici cargo soltanto se vi è necessità e la si cede ad altri, al posto di lasciarla in giro inutilizzata

In qualità di «comune carvelo2go», date l’esempio in fatto di mobilità sostenibile e approfittate dei seguenti vantaggi:

  • introducete un’offerta di mobilità pratica a favore della popolazione, delle arti e mestieri locali, delle associazioni e della stessa amministrazione comunale
  • conquistate visibilità in qualità di promotori di una nuova e originale forma di mobilità
  • vi posizionate quale comune orientato al futuro e lo mostrate a tutti
  • approfittate del sostegno dell’Ufficio di coordinamento per la mobilità sostenibile COMO, che partecipa finanziariamente al progetto

Ecco come potete partecipare?

In qualità di comune potete scegliere tra i seguenti due modelli di cooperazione:

carvelo2go modelli di cooperazione

Ovviamente, il ruolo di sponsor può essere assunto anche dalle imprese locali o da altri partner del progetto. In tal caso, i comuni non devono più assumersi i costi.

Nella prima variante, gli introiti di sfruttamento sono gestiti da cavelo2go e utilizzati per lo sfruttamento delle bici cargo elettriche (manutenzione, riparazioni). Nella seconda variante il comune gestisce gli introiti di sfruttamento, ma è anche responsabile di manutenzione e riparazioni.

Condizione per lo sfruttamento: la presenza di una stazione ospitante impegnata che garantisca la gestione della bici cargo elettrica. Anche l‘amministrazione comunale può fungere da stazione ospitante.

Ecco le nostre prestazioni

  • Sfruttamento operativo della piattaforma di prenotazione carvelo2go e della bici cargo elettrica nel vostro comune; accesso per tutti gli utenti interessati
  • Elementi di testi e di immagini, nonché estratti di carte geografiche con link di prenotazione sul sito internet del comune
  • Creazione e coordinamento del servizio e della manutenzione nel vostro comune
  • Apertura di una hotline e di un supporto di primo piano per gli utenti durante le ore di ufficio
  • Elementi e documenti di comunicazione per la pubblicità presso differenti gruppi mirati

Abbiamo risvegliato il vostro interesse? In tal caso non vi rimane che annunciarvi da noi (e-mail / tel. 058 827 34 13). Per ulteriori informazioni, restiamo volentieri a vostra disposizione e ci rallegriamo di poter compiere con voi un salutare passo verso una forma di mobilità innovativa.

Partner nationali

TCS

Con il sostegno di

Ufficio di coordinamento per la mobilità sostenibile COMO
Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen

Contatto

Jonas Schmid, capo progetto carvelo2go presso l’Accademia della mobilità SA
Maulbeerstrasse 10
3001 Berna
e-mail
tel. 058 827 34 13

 
 

Testimonials

«La città di Vevey si è unita a carvelo2go, la piattaforma per la condivisione di bici cargo elettriche, nell‘intento di estendere la propria offerta locale di mobilità. Semplici da manovrare e polivalenti, le bici cargo elettriche sono molto apprezzate dalla popolazione. Gli abitanti di Vevey ne fanno uso sia per i loro momenti di svago (uscite con i bambini), sia per le loro necessità quotidiane (trasporto di rifiuti, acquisti, ecc.). Le bici cargo
elettriche sono una valida alternativa all‘automobile.»
(Michel Bloch, Delegato Agenda 21, città di Vevey)

 
 

«Nel frattempo, gli spostamenti in bici cargo sono diventati una piacevole abitudine e addirittura un momento gioioso per i nostri bambini. La superficie di carico, la manovrabilità nel traffico stradale e
la potente propulsione elettrica trasformano ogni tragitto in una vera
e propria avventura per tutta la famiglia.»
(Simone Sauter, mamma e specialista in comunicazione, Köniz)

 
 

«La bici cargo è geniale per la mia professione. Per numerosi percorsi,
l‘automobile si rivela perfettamente inutile.»
(Sabina Fankhauser, operatrice culturale, Zurigo)