Schweizerischer Gemeindeverband
Association des Communes Suisses
Associazione dei Comuni Svizzeri
Associaziun da las Vischnancas Svizras
Insieme per comuni forti
 
 
1
2
3

No alla «Iniziativa K-Tipp»

L’Associazione dei Comuni Svizzeri (ACS) è contraria all’iniziativa «A favore del servizio pubblico», detta anche «Iniziativa K-Tipp», perché mette in pericolo un buon servizio di base nel territorio.

L’iniziativa delle riviste dei consumatori «K-Tipp», «Saldo», «Bon à Savoir» e «Spendere Meglio» chiede che le aziende vicine alla Confederazione non debbano puntare ai profitti nei servizi di base. I promotori dell’iniziativa vogliono che la Posta, Swisscom e le FFS offrano ai cittadini prima di tutto un buon servizio a costi contenuti. Inoltre, le collaboratrici e i collaboratori delle aziende vicine alla Confederazione non dovrebbero guadagnare più delle persone che lavorano nell’amministrazione federale. «L’iniziativa offrirebbe prezzi più bassi per i servizi resi a una parte delle consumatrici e dei consumatori, ma non a tutti. E sicuramente avrebbe un effetto negativo sull’entità dei servizi», afferma l’ACS nella sua presa di posizione. Ne verrebbero particolarmente interessati i consumatori e le consumatrici dei comuni nei quali è di vitale importanza una distribuzione qualitativamente e quantitativamente equa dei servizi della Posta, di Swisscom, FFS e SRG SSR. L’ACS non ha dubbi: dati i rapidi cambiamenti tecnologici e le crescenti esigenze delle cittadine e dei cittadini, anche le aziende del servizio pubblico devono sviluppare offerte nuove e innovative. Oggi le aziende potrebbero finanziare autonomamente queste offerte grazie alla libertà imprenditoriale. Se invece la «Iniziativa K-Tipp» venisse approvata, le innovazioni dovrebbero essere finanziate dai contribuenti nei Comuni o – nel peggiore dei casi – non verrebbero effettuate.