Schweizerischer Gemeindeverband
Association des Communes Suisses
Associazione dei Comuni Svizzeri
Associaziun da las Vischnancas Svizras
Insieme per comuni forti
 
 
1
2
3

L'ACS richiede correzioni nell'Ordinanza sulla pianificazione del territorio

L'ACS non è soddisfatta delle proposte per l'applicazione della revisione della Legge sulla pianificazione del territorio. Per quanto riguarda lo sviluppo urbanistico, occorre però considerare sempre anche le diverse sfide e opportunità a livello comunale e regionale, e quindi in definitiva le singole strategie di sviluppo. Il che non sembra sia stato fatto nella bozza dell'Ordinanza sulla pianificazione del territorio. «Il disegno di legge è caratterizzato da una sovra-regolamentazione, obblighi d'informazione troppo vasti, e in linea generale da tendenze di centralizzazione», critica l'ACS.

L'ACS lamenta inoltre la mancanza di regolamentazioni nel disegno di ordinanza in merito a chi debbano spettare i proventi della tassazione sul valore aggiunto. Dal suo punto di vista, i comuni dovrebbero beneficiarne e impiegare questi mezzi finanziari ad esempio per indennizzi per dezonamenti, interventi per lo sviluppo urbanistico verso l'interno, o per una gestione attiva degli immobili. L'ACS appoggia, in linea di principio, l'idea che le capacità delle zone edificabili non vadano considerate solo a livello comunale ma a livello cantonale. Per determinare la dimensione delle aree edificabili va tuttavia obbligatoriamente considerata la crescente necessità di superfici abitative. L'ACS, inoltre, è preoccupata del fatto che per i cantoni venga previsto l'obbligo di prova in merito alla necessità di zone edificabili. «La pianificazione del territorio è in primo luogo un compito dei cantoni; se la Confederazione non è d'accordo con quanto previsto dai cantoni, deve presentare la controprova.» Lo sviluppo urbanistico verso l'interno è una questione fondamentale secondo l'ACS. È importante incentivarlo soprattutto nello spazio urbano. L'ACS chiede di utilizzare sistematicamente le riserve disponibili per la densificazione. Inoltre, si dovrebbero eliminare i tabù della costruzione in altezza e adeguare le disposizioni che ostacolano la densificazione urbana verso l'interno.